Edizione Italia News Prima pagina Newsjs

Scuola, studenti in piazza contro i tagli del governo: "Siamo 100mila"

Incidente Metro Milano, una donna si infila in galleria: ecco cosa ha provocato 13 feriti [VIDEO]

Tempesta di neve a New York: otto le vittime

Juncker in conferenza stampa con due scarpe diverse: il video è virale ma viene smentito

La telefonata tra Casaleggio e Di Maio e la furia su Toninelli

Così le imprese del Veneto spingono Luca Zaia contro il governo

Cina e Stati Uniti, è duello in Oceania. Xi: "Usa egoisti". Pence: "Pechino pericolosa"

Droga con profumo al gelsomino nei tubolari del gommone: sei arresti a Brindisi

Infermiera uccide figli di 7 e 9 anni con un'iniezione, poi si suicida. Trovate due lettere

Folgaria, Massimo Toller spara al figliastro e poi si suicida. La moglie si salva scappando in un negozio

Ritrovato il sottomarino argentino scomparso un anno fa: nel «San Juan» morte 44 persone

Salvini adesso sfida Di Maio: voto anticipato già a maggio

California, 71 i morti negli incendi, oltre 1000 dispersi

Previsioni meteo 16, 17 e 18 novembre: bel tempo in gran parte dell'Italia, nel week end qualche rovescio al Sud

Monte Bianco, resti trascinati dai ghiacciai per 25 anni: sono di due alpinisti ventenni

Sardegna, naufraga barca di migranti, due morti e almeno otto dispersi

Sparatoria a Vairano: Marcello De Prata uccide la moglie Antonella e la cognata, poi si spara

Xi oscura anche Deng: due quadri riscrivono il suo ruolo nella storia

Doppiette alla larga. Zaia prolunga il divieto di caccia nel Bellunese

No Salvini day", gli studenti bruciano bandiere della Lega e "impiccano" fantoccio

Scuola, studenti in piazza contro i tagli del governo: "Siamo 100mila"

Dalla Russia arriva il primo freddo

Congresso Pd, Minniti: "Se serve a tenere unito il partito non mi tirerò indietro"

Eurozona: così la vogliono Germania e Francia

Spari in una casa a Folgaria, uomo ammazza il figlio della moglie e si uccide

Khashoggi, Wp: per la Cia il mandante è principe Bin Salman

Incendi in California, si aggrava bilancio: 71 vittime e oltre mille dispersi

Argentina, ritrovato il sottomarino affondato un anno fa: 44 a bordo

Sparatoria a Vairano: Marcello De Prata uccide la moglie Antonella e la cognata, poi si spara

"Puntava l'arma e rideva". Milano, presa la ragazza con la pistola

Metro Milano: frenate improvvise e «treni scomparsi», 17 feriti. Ecco perché sono avvenuti gli incidenti

Dl Genova, Toninelli: 'Pugno alzato per la gioia per la città'

Aosta, iniezione letale ai bimbi. Poi l'infermiera si toglie la vita

Aveva 8.000 video pedopornografici, arrestato

Scuola, studenti in piazza contro i tagli del governo: "Siamo 100mila"

Tempesta di neve a New York: otto le vittime

Fico contro Salvini: "In Campania no inceneritori". Di Maio: "Così solo tensioni nel Governo"

Congresso Pd, Minniti: "Se serve a tenere unito il partito non mi tirerò indietro"

Freddo da est innesca contrasti esplosivi, le cause del meteo estremo

Spari in una casa a Folgaria, uomo uccide il figlio della moglie e si suicida

Khashoggi, Cia: omicidio ordinato da principe coronato saudita. Il giornalista attirato in una trappola

Giovane si denuda in strada e poi violenta anziana in spiaggia

Milano, frenate improvvise della metro: 21 feriti sulla linea 1

Sparatoria a Vairano: Marcello De Prata uccide la moglie Antonella e la cognata, poi si spara

Incendio in galleria sulla Napoli-Salerno: feriti 5 operai, uno è grave

Decreto Genova, Toninelli: "Orgogliosissimo del pugno alzato. Di Maio si è congratulato"

Muore per salvare il figlio: mamma di Vicenza come Chiara Corbella

Sindaci e parlamentari pronti a lanciare la candidatura di Minniti alla guida del Pd

Nubifragio nel Catanese,vento e grandine

Spari in una casa a Folgaria, uomo uccide il figlio della moglie e si suicida

Khashoggi, Cia: «Omicidio ordinato da principe coronato saudita. Il giornalista attirato in una trappola»

Meteo: da domani arriva il freddo invernale

Milano, frenate improvvise della metro: 21 feriti sulla linea 1

Caserta, finanziere uccide moglie e cognata: poi si spara alla testa e muore | Ha tentato di ammazzare i suoceri

Dl Genova, Toninelli: 'Pugno alzato per la gioia per la città'

Scuola, studenti in piazza contro i tagli del governo: "Siamo 100mila"

La storia dell'infanticidio-suicidio ad Aosta

Cacciatore morto, cane lo veglia

Usa, tempesta di neve in 16 Stati: 8 morti. Per New York è la più violenta di novembre dal 1938

Sardegna, naufraga barca di migranti, un morto e almeno nove dispersi

Francia e Germania: i fondi del bilancio dell'Eurozona solo a chi rispetta il Patto di stabilità

Folgaria, uomo spara e uccide il figlio della compagna. Poi si toglie la vita

Cosa ha detto Minniti sulla sua candidatura a segretario del Pd

Khashoggi, Cia: omicidio ordinato da principe coronato saudita. Il giornalista attirato in una trappola

Meteo: da domani arriva il freddo invernale

Il pugno chiuso di Toninelli. E Di Maio sbotta: cos'ha fatto stavolta?

Sparatoria a Vairano: Marcello De Prata uccide la moglie Antonella e la cognata, poi si spara

Aosta, madre uccide i figli con un'iniezione di potassio e si toglie la vita

Maltempo, subito fino a 5mila euro per le famiglie e 20mila per le aziende

New York: tempesta di neve fa almeno 8 morti, 400 mila persone al buio

Gli studenti presentano lo scontrino al governo. "Servono 20 miliardi per le scuole"

Fico contro Salvini: "In Campania no inceneritori". Di Maio: "Così solo tensioni nel Governo"

Sardegna, naufraga barca di migranti, un morto e almeno nove dispersi

Eurozona: così la vogliono Germania e Francia

Nubifragio nel Catanese,vento e grandine

Spari in casa a Folgaria, 2 morti

Cosa ha detto Minniti sulla sua candidatura a segretario del Pd

Khashoggi, Cia: omicidio ordinato da principe coronato saudita. Il giornalista attirato in una trappola

Anziana violentata in spiaggia da migrante: «Ho avuto paura di essere uccisa». Salvini: verme

Il pugno chiuso di Toninelli. E Di Maio sbotta: cos'ha fatto stavolta?

Sparatoria a Vairano: Marcello De Prata uccide la moglie Antonella e la cognata, poi si spara

Metro Milano: frenate improvvise e «treni scomparsi», 17 feriti. Ecco perché sono avvenuti gli incidenti

Scuola, studenti in piazza contro i tagli del governo: "Siamo 100mila"

Aveva 8mila video pedopornografici in casa, arrestato un operaio di Genova

MALMTEPO – Zaia nominato Commissario per il Veneto

Rosanna Della Corte: «Anche io mamma anziana nel 1994, ma i figli si fanno da giovani»

Fico contro Salvini: "In Campania no inceneritori". Di Maio: "Così solo tensioni nel Governo"

Dalla Russia arriva il primo freddo

Juncker interrompe la conferenza stampa: giallo sulle "scarpe diverse"

Pd: Minniti, candidarmi? Lo dirò quando si aprirà il congresso

Usa, neve su New York e sulla costa orientale: 8 morti

Sardegna, naufraga barca di migranti, un morto e almeno nove dispersi

Eurozona: così la vogliono Germania e Francia

Spari in casa a Folgaria, uccide il figlio e si suicida

Khashoggi, Cia: «Omicidio ordinato da principe coronato saudita»

Milano, frenate improvvise della metro: 21 feriti sulla linea 1

Madre uccide 2 figli con iniezione letale e si toglie la vita a Aymavilles, vicino ad Aosta

Aveva 8.000 video pedopornografici, arrestato

La mappa delle manifestazioni degli studenti città per città

Toscana, freddo in arrivo: drastico calo di temperature nel fine settimana

Meteo, arriva il freddo artico

Luisa De Montis Domani gelate, lunedì neve a basse quote. Radicale cambio della scena meteorologica in questo terzo fine settimana di novembre: al via un vero e proprio assaggio d'inverno, con l'ingresso di un primo impulso di aria fredda continentale, proveniente dalla Russia. La conseguenza più rilevante sarà il calo termico atteso in tutto il nostro Paese, più sensibile al Nord, anche in considerazione del lungo periodo di caldo anomalo che ha caratterizzato finora questo autunno. I venti orientali, che tra oggi e domani potranno soffiare anche intensamente, non apporteranno aria particolarmente umida: tuttavia, il contrasto con l'ancora caldo mar Mediterraneo, favorirà condizioni di instabilità e alcune precipitazioni all'estremo Sud, su Sardegna, Sicilia e lungo il medio e basso versante Adriatico. All'inizio della prossima settimana- affermano i meteorologi di Meteo.it- un secondo e più intenso nocciolo di aria fredda di origine artica investirà il cuore dell'Europa. Sull'Italia centro-meridionale assisteremo ad un più marcato peggioramento del tempo, a causa dell'approfondimento di una circolazione di bassa pressione sui mari prospicienti. Al Nord, l'ulteriore calo delle temperature potrebbe causare, tra lunedì e martedì, la comparsa della prima neve della stagione fino a quote decisamente basse. Si tratta di un'evoluzione ancora molto incerta: seguite i prossimi aggiornamenti". PREVISIONI PER SABATO. Cielo nuvoloso al Nordovest, in Emilia Romagna, sulle regioni adriatiche, al Sud e sulle Isole. Precipitazioni isolate su Romagna e regioni del medio Adriatico, con quota neve intorno a 1000-1200 metri sull'Appennino. Tempo più instabile, con piogge, rovesci e locali temporali su Sardegna, Sicilia, Calabria ionica, Basilicata e Puglia. I fenomeni più intensi e insistenti interesseranno il nordest della Calabria e della Sardegna. Dal pomeriggio tendenza ad ampie schiarite al Nordovest. Nel resto del Paese tempo in prevalenza soleggiato. Temperature in calo in quasi tutto il Paese, più sensibile in Val Padana e lungo l'Adriatico. Venti: tesi da est o nordest, particolarmente intensi sul mar Ionio. Mari mossi o molto mossi. PREVISIONI PER DOMENICA. Domenica su regioni di Nordovest, Triveneto, Toscana, Lazio e coste campane tempo in prevalenza soleggiato a parte una modesta nuvolosità. Nubi più compatte nel resto del Paese, con alcune precipitazioni, locali e intermittenti, su Romagna, regioni del medio e basso Adriatico (nevose oltre 900-1200 metri), Basilicata, nordest della Calabria e Sardegna tirrenica. Possibili isolati temporali nel settore ionico. Tra pomeriggio e sera piogge isolate possibili anche su Sicilia tirrenica. A fine giornata nubi in aumento al Nord con qualche debole precipitazione sull'alta Lombardia. Temperature per lo più in ulteriore calo: al Nord all'alba valori vicini allo zero e massime non superiori a 10 gradi. Venti: moderati o tesi tra est e nordest. Mari mossi o molto mossi. TENDENZA INIZIO SETTIMANA. Lunedì nuvolosità variabile in gran parte del Paese associata a poche e sporadiche precipitazioni in mattinata più che altro al Nordest, in Calabria e sulle Isole maggiori; dal pomeriggio tendenza a un graduale peggioramento con nevicate deboli in arrivo sulle Alpi a quote che scenderanno fino ai 400-700 metri. Peggiora anche a partire dalle Isole maggiori, raggiunte da rovesci e temporali. Dalla sera precipitazioni anche intense tenderanno a estendersi a gran parte del Centro-sud per poi interessare anche il Nord Italia nella successiva notte, quando la quota neve tenderà ad abbassarsi ulteriormente soprattutto su zone pedemontane e collinari del Nordovest. Il clima sarà invernale soprattutto al Nord, con valori anche sotto le medie stagionali di 5-6 gradi.

Volete comprarvi i Btp Italia? Non date retta al bancario-prete

Dicette ‘o prevete: fa’ chello ca dico io ma nun fa’ chello ca facc’io. (“Disse il prete: fa quello che ti dico ma non fare quello che faccio io”) La bellezza dei proverbi napoletani sta nella filosofica essenzialità del retro-pensiero. In questo aforisma il sottinteso fa riferimento al caso in cui, anche ai tempi d’oggi, può […] L'articolo Volete comprarvi i Btp Italia? Non date retta al bancario-prete proviene da Il Fatto Quotidiano.

Napoli, l'esordio di Allan col Brasile: «Vivo il sogno di un bambino»

Mezz'ora che sarà difficile dimenticare. Allan fa il suo esordio con la maglia della nazionale brasiliana, il calciatore azzurro subentra al minuto 59 del match amichevole contro l'Uruguay e vive il sogno portato avanti fin da bambino. Il centrocampista azzurro si era guadagnato la scorsa settimana questa prima convocazione verdeoro e ha saputo farsi notare nella mezz'ora concessagli in campo dal Ct Tite, festeggiando anche il successo dei suoi sull'Uruguay di Cavani grazie ad un gol di Neymar. «Stasera vivo il sogno di un bambino che si realizza», ha poi confessato Allan alle Tv brasiliane nel dopo gara. «Quando stai per entrare in campo, rivedi nella tua testa tutto quello che hai vissuto per arrivare lì. Sono felicissimo. Ho tentato di dare il massimo per accontentare Tite, spero sia soddisfatto della mia prestazione. Quando indossi la maglia della Nazionale, hai l'obbligo di vincere».

Burlesque a Roma, arte e seduzione tra piume di struzzo e paillettes

Il sogno del burlesque a Roma è oggi realtà per molti artisti. Una tendenza consolidata nella Capitale dove i club tematici e le manifestazioni dedicate sono in aumento.

Under 21, Kluivert: “Un onore la fascia da capitano, ma farò del mio meglio per tornare in Nazionale maggiore”

Justin Kluivert, giocatore della Roma e della Nazionale olandese under 21, ha parlato ai microfoni di Fox Sport dopo la sconfitta per 3 a 0 contro i pari età...

Rai1: Meraviglie al martedì da marzo, Proietti rinviato e a gennaio torna The good doctor (Anteprima Blogo)

Indiscrezioni sulla programmazione prossima futura di Rai1 La collocazione al sabato sera di Rai1 di Ora o mai più, in netto anticipo rispetto alla scorsa stagione, è frutto di esigenze della prima rete della televisione pubblica a seguito di tutta una serie di situazioni che -a cascata- hanno poi prodotto il risultato che vi abbiamo anticipato, con l'approdo dello show musicale condotto da Amadeus nella più prestigiosa serata della settimana televisiva. In un primo momento infatti, come vi abbiamo dato conto da queste colonne, nei sabati sera di gennaio erano previste le quattro nuove puntate del programma di divulgazione culturale Meraviglie condotto e diretto da Alberto Angela, che lo scorso anno fu collocato nella serata del giovedì. Ebbene, quest'anno era intenzione della televisione pubblica di far proseguire l'intelligente esperimento delle scorse settimane, che vedeva proprio un programma di Angela figlio, ovvero Ulisse, più Stanotte a Pompei, nella serata del sabato.

La letteratura ha smarrito la Napoli del '68

Antonella Cilento La lente azzurra di ANTONELLA CILENTO Delle molte Napoli narrate una tende a latitare: la Napoli del 1968. I movimenti studenteschi che tracce hanno lasciato nella città dove tutto resta e molti scompaiono? Il Novecento italiano abbonda di letteratura bellica e non manca letteratura sul Movimento: da Tondelli a Palandri a Pazienza, scrittori e artisti hanno narrato il 1977. Il ’68, invece, resta un grande rimosso, che spiega in parte la fortuna de “L’amica geniale”, dove si sfiora l’argomento dal punto di vista delle donne. Ci ha provato Vincenzo Esposito con “La giovinezza infinita” (Marlin): Esposito è fine autore di numerosi romanzi, vincitore del Premio Calvino, segnalato da Maurizio Maggiani. Il suo tema, da sempre, è il tempo, la memoria che s’interroga e si avvolge su se stessa. Qui la circolarità del ricordo è affidata a brevi capitoli, mostra un ’68 intimo, privato. Che si tratti dell’affascinante Louki, ragazza parigina di barricate o di Carla, con cui invece si scoprono le gioie del sesso in una casa di Posillipo, Esposito insegue il reale e l’inventato, ormai fra loro indistinguibili. Reale la pubblica repressione in piazza, probabili le riunioni studentesche, verisimili i genitori e i compagni, la città appare per colpi sapidi: i libri venduti dall’auto, un libraio senza negozio....

UK, gas lacrimogeno a un concerto di Lil Pump: locale evacuato, lui finisce lo show nel parcheggio - VIDEO

E' stata una serata movimentata quella vissuta da Lil Pump e dai suoi fan al Rock City di Nottingham, nel Regno Unito: secondo quanto riferito da TMZ nel bel mezzo del concerto del.

Mancini: «Portogallo da battere, ma vero obiettivo sono gli Europei 2020».

Milano - Roberto Mancini chiude stasera il suo primo ciclo alla guida della Nazionale: lo fa con il Portogallo a Milano, davanti a settantremila persone, un pubblico record per una Nazionale che solo un anno fa, e proprio nello stesso stadio, mandava ai rovi la partecipazione al Mondiale con uno squallido 0-0 contro la Svezia. Il ricordo torna ineludibile, ma si respira un’aria diversa. Mancini guida l’Italia dalla fine di maggio e dopo un logico inizio stentato è riuscito a dare una forma agli Azzurri. Vincere stasera contro i campioni d’Europa privi di Ronaldo come all’andata (quando vinsero 1-0), ci proietterebbe almeno fino a martedì in testa al girone di Nations League, il che varrebbe la fase finale. Poi, martedì il Portogallo incontrerà la Polonia a Guimaraes e una vittoria vanificherebbe il nostro successo. Ma tant’è, una cosa per volta. Mancini stasera ripropone l’Italia che ha vinto a Chorzow contro la Polonia un mese fa con l’eccezione di Immobile al posto di Bernardeschi. E l’infortunio dell’attaccante della Juve costringerà il ct a rivedere un filo i piani, il tridente rotante sarà un po’ meno rotante perchè un centravanti ci sarà. Appunto Immobile, non abituato a coprire tutti i tre spicchi dell’attacco. «Ma sa fare gol, e questo è una qualità importante», dice il ct.

Caso Khashoggi, per la Cia il mandante è il principe saudita Bin Salman

Washington - La Cia è convinta che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman abbia ordinato di uccidere il giornalista dissidente Jamal Khashoggi. Lo rivelano media americani in base a «fonti interne» all’agenzia. Secondo i servizi statunitensi, anche se non c’è «una pistola fumante» che provi la colpevolezza del principe, una operazione del genere non sarebbe stata possibile senza la sua approvazione. Riad nega: «Non sapeva» Due giorni fa Riad ha detto di aver individuato i colpevoli e la procura generale ha annunciato che chiederà la pena di morte per 5 degli 11 imputati. Fra loro c’è il numero due dell’Intelligence saudita, generale Ahmed al-Assiri, uno stretto collaboratore del principe. Ma Riad ha negato ogni coinvolgimento di Bin Salman, che «non era al corrente» di quanto stava succedendo nel consolato a Istanbul il 2 ottobre.

Jennifer Lopez, cachet da record per un mini-concerto in Qatar

Carlo Lanna Secondo TMZ, Jennifer Lopez ha preso parte all'inaugurazione di un centro commerciale in Qatar e ha incassato, per venti minuti di spettacolo, una cifra da record. L’ultima follia di Jennifer Lopez è stata riportata dall’autorevole TMZ, aggiornatissimo su news e gossip dal mondo delle star. La celebre cantante e attrice recentemente ha partecipato ad un piccolo concerto in Qatar di appena venti minuti e, secondo le cifre riportate dal sito web, l’iconica J. Lo. avrebbe guadagnato più di 137mila dollari al minuto per la sua breve performance. Leggere per credere. Invitata per l’inaugurazione di un centro commerciale di lusso, il Doha Festival City Mall in Qatar, la Lopez si è esibita in un piccolo concerto di fronte ad una folla urlante di fan accorsi per l’evento unico e irripetibile. Venti minuti in cui si sono ripercorsi le hit più famose della cantante lanciata da “If You had my love.” Un breve lasso di tempo che ha permesso alla giunonica Jennifer Lopez di racimolare più di due milioni di dollari. Dopo la breve esibizione, di cui non c’è traccia in rete, l’artista si è concessa, con estrema felicità, a foto di rito ed autografi. Una particolarità che, in verità, la contraddistingue da altri artisti della sua stessa fama, restii al contatto con i fan. Ma non è tutto perché, secondo TMZ, Jennifer Lopez avrebbe già firmato un contratto per apparire, come star indiscussa, di un altro evento privato a Los Angeles organizzato della Qatar Airway e, in questo contesto, guadagnerà la cifra record di 1,2 milioni di dollari per una altro mini-show da venti minuti circa. La cantante non è nuova a questo tipo di eventi. Nel 2013 ad esempio, ha fatto molto discutere la sua partecipazione al compleanno del Presidente del Turkmenistan, famoso per il suo approccio polito decisamente autoritario. Ma con molta nonchalance, la Lopez ha affermato che non conosceva il credo polito del festeggiato.

Rigore per bestemmia: errore tecnico, si rigioca

Rigore per bestemmia: errore tecnico, si rigioca. Nella partita di prima categoria fra Bacigalupo e Barracuda, l’arbitro assegna un calcio di rigore alla formazione di casa per un’espressione blasfema pronunciata in area da un giocatore della squadra ospite. Il regolamento, però, prevede l’assegnazione di una punizione indiretta. E quindi, dopo che il ricorso è stato favorevolmente accolto, la partita dovrà essere rigiocata. “SALAH, FAI UN GOL CHE DEVO STUDIARE”. E LUI… PICKFORD PARA-RIGORI? MERITO DELLA SUA BORRACCIA.   Parole chiave: arbitro,rigore,regoliamoci

Faggi, cedri e sequoie: un 2019 all'insegna del verde col calendario degli alberi monumentali dell'Emilia-Romagna

L'Emilia-Romagna può vantare (dati aggiornati allo scorso agosto)  106 alberi monumentali censiti dal ministero delle Politiche agricole e forestali,...

Pirati dei Caraibi reboot: Jack Sparrow di Johnny Depp sostituito da una protagonista femminile?

Il reboot di "Pirati dei Caraibi" di Paul Wernick e Rhett Reese potrebbe riservare un drastico cambiamento. Un nuovo rumor riporta che Disney avrebbe intenzione di sostituire Johnny Depp con un'attrice nel suo reboot di Pirati dei Caraibi. Paul Wernick e Rhett Reese stanno attualmente scrivendo il nuovo progetto, ma non ci sono notizie sullo status della sceneggiatura. Depp è stato recentemente coinvolto in accuse di abusi domestici, violenza sui set cinematografici e un comportamento eccentrico reiterato, tutti elementi che ahnno portato la Disney ha mettere il franchise in stand-by per valutarne un completo riavvio. Per quanto riguarda quale personaggio prenderebbe il posto di Johnny Depp nel ruolo di Capitan Jack Sparrow nel reboot "Pirati dei Caraibi", si ritiene che Redd, l'attuale protagonista delle attrazioni Pirates of the Caribbean di Disneyland e Disney World, sarà la nuova protagonista. Redd è la donna pirata protagonista della controversa scena dell'asta della fanciulla presente nell'attrazione di Disneyland e recentemente sostituita da una scena che vede alcuni cittadini schierati per consegnare i loro oggetti di valore ai pirati, anziché comprare e vendere donne. Redd è stata incorporata anche nel parco ed è diventata un membro del cast che vaga tra i turisti del parco in cerca di selfie.

Napoli, finalmente Ghoulam! «Un piacere tornare in campo»

Più di un anno da quela notte da incubo, eppure Faouzi Ghoulam non ha mai perso la speranza, né il sorriso. Il terzino algerino, rimasto ai margini del gruppo azzurro negli ultimi mesi, sta lavorando sodo dalla scorsa estate per poter regalare al Napoli un terzino di livello internazionale e potersi regalare a sua volta una carriera ancora brillante. «Partita tra di noi. È un piacere potersi divertire sul campo!» Questo il breve pensiero condiviso dal calciatore sui social nelle ultime ore. Ghoulam ha preso parte al match Napoli A-Napoli B andato in scena ieri mattina a Castel Volturno sotto gli occhi di Ancelotti, lasciando anche buone sensazioni. L'allenatore non ha mai forzato il suo rientro, ma ora Faouzi è davvero ad un passo dal rivedere il campo: le prossime settimane potranno dire la verità, regalando all'algerino il nuovo esordio, quello più atteso».

Khashoggi, sarebbe il principe saudita Mohammed bin Salman il mandante dell’omicidio

A scriverlo è il Washington Post citando fonti vicine al dossier. Il governo saudita ha sempre smentito un suo coinvolgimento nell’uccisione del giornalista dissidente. La Cia è giunta esaminando diverse fonti di intelligence. L'articolo Khashoggi, sarebbe il principe saudita Mohammed bin Salman il mandante dell’omicidio proviene da Il Fatto Quotidiano.

Concerti, Red Hot Chili Peppers: annunciate le prime date del tour 2019. In arrivo live anche in Europa?

La band guidata da Anthony Kiedis ha ufficializzato le prime date per il 2019: i Red Hot Chili Peppers torneranno in azione dal vivo il prossimo 17 febbraio a Hobart, in Australia, per poi tenere altri otto concerti tra il paese dei canguri e la Nuova Zelanda fino all'8 maggio successivo. Ecco, di seguito, tutti gli appuntamenti confermati a oggi: 17 febbraio 2019 – Hobart – Derwent Entertainment Centre 19 febbraio 2019 – Sydney – Qudos Bank Arena 23 febbraio 2019 – Hunter Valley – Hope Estate 25 febbraio 2019 – Brisbane – Entertainment Centre 28 febbraio 2019 – Melbourne – Rod Laver Arena 2 marzo 2019 – Geelong – Mt. Dunked Estate 3 marzo 2019 – Adelaide – Superjloop Adelaide 500 After-Race Concert 5 marzo 2019 – Perth – NIB Stadium 8 marzo 2019 – Auckland – Spark Arena

Spunta il nome di Rocca per la Roma Under 23

Il calcio del business fa spesso litigare, basta pensare allo scontro di questi giorni tra il Coni e il Governo. Quello del senso di appartenenza può invece fare ancora innamorare.

Naufragio di migranti al largo della Sardegna, recuperato un altro corpo

Cagliari - La Guardia costiera di Cagliari ha appena recuperato un secondo cadavere del naufragio del barchino di migranti avvenuto ieri al largo dell’Isola del Toro, vicino a Sant’Antioco. Il corpo è stato trovato proprio a circa quattro miglia ovest dell’isoletta, non troppo distante dal punto in cui il barchino è stato soccorso ieri mattina dalla motovedetta della Capitaneria con tre superstiti.

Quarta, la voce italiana di Topolino: "I miei 23 anni insieme a un mito"

Massimo M. Veronese Il topo più famoso del mondo è nato in un momento di depressione di Walt Disney, è diventato un’icona miliardaria e un simbolo dell’America. E il suo doppiatore italiano non ha dubbi: "Mickey Mouse è invincibile. Ha 90 anni ma sarà giovane per sempre" Il 18 novembre 1928, all’Universal Colony Theater di New York, prima del lungometraggio Gang War di Bert Glennon, spuntò per la prima volta sullo schermo un piccolo topo dalle orecchie che sembravano un disco musicale e il carattere di un bambino ribelle. Era un corto dal titolo «Steamboat Willie», Willie del vaporetto Lo avevano disegnato Walt Disney e Ub Iwerks, l’unico amico che non lo aveva abbandonato in un momento di difficoltà, ispirandosi, vuole la leggenda, al piccolo sorcio che faceva capolino la sera nel suo studio. Era una scommessa, una follia, una partita persa: a chi poteva mai piacere un topo? Due settimane dopo Mickey Mouse, scampato il pericolo di chiamarsi Mortimer come aveva suggerito la moglie di Walt, entrava da trionfatore nella più grande sala cinematografica del mondo, il Roxy di New York, novant’anni dopo è un divo globale e invincibile, che, dicono di lui, «fonde l’umanesimo di Charlie Chaplin, la spavalderia di Douglas Fairbanks e la grazia di Fred Astaire». [

Nappi: «Una partita che si vince con il cuore. Criscito dovrà spiegare ai nuovi cos’è»

Genova - «Il derby? E come fai a descriverlo? Posso solo dirvi che per me il ricordo è solo positivo perché non l’ho mai perso...». Se parli di Genoa e del derby della Lanterna, la voce di Marco “Nippo” Nappi diventa ancora più squillante. Quasi sembra di vederlo sgambettare sul posto, pronto a entrare in campo per esibirsi nella sua celebre “foca”. O anche per fare un gol. «Anzi, per farne due, come quelli che avevo segnato nel mio derby più bello, nel ‘96». L’ex attaccante del Grifone è in Cina da settembre, dove insegna calcio ai ragazzi della “High School affiliated to University of Science&Technology”. Ma Luoyang, dove vive e lavora, o Marassi, per Nappi non fa poi tanta differenza. «Qui siamo 7 ore avanti, se al Ferraris si giocherà alle 20.30, da me saranno le 3.30 di notte. Non so ancora se trasmetteranno la gara in diretta, ma nel caso no problem, metto la sveglia e tifo Genoa: il derby non voglio perdermelo». E il Genoa non vuole assolutamente perderlo. «Serve una vittoria che manca da troppo tempo. E poi battere la Samp porterebbe serenità nell’ambiente dopo le ultime tensioni».

Napoli, sbucano dalle fogne e fanno esplodere bomba nel bar a due passi dalla stazione

Una bomba carta è stata fatta esplodere intorno alle 4.20 di stanotte nel bar «Il solito posto», sul corso Garibaldi. Le indagini sono affidate ai carabinieri della stazione Borgoloreto; dai primi accertamenti è emerso che i responsabili sono passati dal sottosuolo per lanciare la bomba all'interno del locale. Sabato 17 Novembre 2018, 09:46

Ascolti tv venerdì 16 novembre 2018

Di Giorgia Iovane sabato 17 novembre 2018 Una 'normale' serata del venerdì, tra Conti, Bonolis, Lucci, Zoro, Nuzzi, Crozza... Tale e Quale Show (live) ha registrato .000 telespettatori, share %. Nemo, nessuno escluso ha registrato .000 telespettatori, share %.  Amiche da morire ha registrato .000 telespettatori, share %. Scherzi a parte (live)  ha registrato un netto di .000 telespettatori, share %. Self/less ha registrato un netto di .000 telespettatori, share %. Quarto Grado

L'Italia di Mancini all'esame di riabilitazione con gli orfani di CR7

Davide Pisoni A un anno dal disastro mondiale, il nuovo ct ha ridisegnato la squadra: «Nazionale mai morta» Milano Un anno e quattro giorni dopo l'apocalisse si può dire che l'Italia stia risalendo dopo aver toccato il fondo. Dalla Svezia al Portogallo, da San Siro a San Siro: da un mondiale buttato via a un nuovo futuro. È proprio la solita cornice del Meazza, esaurito oggi come allora e saranno anche un centinaio in più, a dire che l'Italia s'è desta, che non ha perso l'incredibile affetto dei 73mila che un anno fa sognavano la coppa del mondo e tornarono a casa incapaci di realizzare il disastro che si era appena compiuto. Roberto Mancini prima scherza «saranno così tanti perché siamo belli...»; poi serio ammette «spero che sia perché siamo piaciuti nelle ultime partite». Un anno e quattro giorni dopo per la sfida contro il Portogallo, che serve a restare in corsa per le finali di Nations League, con una vittoria si dipenderebbe comunque dal risultato dei fratellini di Cristiano Ronaldo contro la Polonia. CR7 non ci sarà, potrebbe tornare in nazionale in primavera ha detto il ct portoghese, ma con una magia delle sue potrebbe anche affacciarsi all'ultimo in tribuna. Marziano a parte, non è solo il solito tifo di stato a far dire che l'Italia sta risalendo anche se Mancini dà il titolo: «La Nazionale non è mai morta. Me le ricordo le partite con la Svezia, meritavamo noi». Comunque il suo lavoro inizia a vedersi. Non è stata una rivoluzione in dodici mesi, ma una rifondazione: dei ventitré di un anno fa, ce ne sono dieci in questi convocati (Romagnoli ko ieri, sostituito da Acerbi). Il ct ha vestito i panni del selezionatore, non scontato per chi ha sempre allenato club, seguendo anche gli stati di forma del momento nel fare le chiamate (convocato pure il giovane Gianluca Mancini). Poi ha individuato i capisaldi da cui ripartire: Bonucci, Chiellini, Jorginho, Verratti e Insigne. I primi tre erano in campo un anno fa, il regista del Psg al ritorno era squalificato, il napoletano restò a guardare e fu uno dei grandi capi d'imputazione per Ventura. Una volta individuata la spina dorsale, Mancio ci ha modellato attorno la sua idea di Italia. Più degli uomini a convincere è la scelta della via del gioco per arrivare alla vittoria. Ritrovata in Polonia lo scorso ottobre all'ultimo assalto in una partita dominata. In un anno avevamo vinto solamente una volta, a giugno contro l'Arabia Saudita. Mancini ha fatto della ricerca della qualità il suo primo obiettivo senza guardare la carta d'identità. A partire dal centrocampo: oltre a Barella, Sensi e Tonali già pronti perché gli stage si possono fare anche allargando le convocazioni. In attacco detto di Insigne, ecco Chiesa, Bernardeschi, Berardi ad esaltare il concetto di qualità. E il ct azzurro ha dimostrato di avere idee in una situazione d'emergenza con le punte di ruolo indisponibili o in crisi, il famigerato falso nueve. Mancini è ancora alla ricerca del suo centravanti: ci ha provato con Balotelli, messo da parte, ci riprova con Immobile che dovrebbe aver vinto il ballottaggio con Berardi: «Ciro fa gol, noi stiamo cercando gol». Anche Chiellini suona la sveglia: «Voglio smettere in fretta di essere il capocannoniere in attività dell'Italia». Perché rifatta l'Italia, adesso risolvere la crisi del gol (dall'under 21 domani arriva anche lo juventino Kean) è la priorità assoluta: dalla Spagna 2017, l'inizio dell'apocalisse, l'Italia in quattordici partite ha segnato due gol solamente una volta (con l'Arabia Saudita). «Stiamo migliorando», dice il ct che però avvisa: «Ci piacerebbe andare alle final four, però devo dare la possibilità ai giovani di giocare. L'obiettivo sono i campionati europei». E così con il Portogallo la priorità resta «giocare bene e cercare di vincere». L'idea per festeggiare le cento presenze di Chiellini: «Non ho rimpianti. Ma adesso penso solo alla partita, non agli obiettivi personali». L'esempio del capitano alla nuova Italia che riparte dall'abbraccio del suo San Siro.

Roberto Borsa fa arrestare il presidente Asi. E poi viene assunto al Cira. “Concorso cucito su misura”. Lui: “Ero il migliore”

Nel 2014 il dirigente divenne un volto noto al grande pubblico perché con la sua denuncia fece finire l'era di Enrico Saggese alla guida dell'Agenzia spaziale italiana. Dopo qualche mese passò al Centro italiano per la ricerca aerospaziale (Asi socio di maggioranza). I dubbi della Corte dei Conti sulla necessità di quella assunzione, le accuse di corsia preferenziale contenute in un esposto, la difesa del diretto interessato: "Chissà perché le ombre sul mio nome compaiono oggi". Il riferimento è alla nomina di personalità vicine all'ex presidente arrestato per una storia di fatture false. L'articolo Roberto Borsa fa arrestare il presidente Asi. E poi viene assunto al Cira. “Concorso cucito su misura”. Lui: “Ero il migliore” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Amici 18, la diretta del primo appuntamento del pomeridiano di sabato 17 novembre

Le anticipazioni, la diretta e la recensione del primo pomeridiano di sabato 17 novembre 2018. Torna oggi, sabato 17 novembre 2018, alle ore 14.10 su Canale 5, , il talent show di Maria De Filippi. Nel primo appuntamento pomeridiano di questo nuovo anno accademico si darà il benvenuto ai primi allievi della diciottesima edizione del programma. Amici 18, anticipazioni di sabato 17 novembre 2018 Come già anticipato da , col ritorno della registrazione del pomeridiano del sabato, sono già noti i nomi dei concorrenti che aspirano ad occupare un banco nella classe più amata della televisione italiana. A differenza del ballerino Miguel e della cantante Giordana, già titolari, gli altri 17 giovani talenti dovranno continuare ad affrontare prove per ottenere un posto nell’accademia.

Argentina-Messico 2-0: ok Dybala, Icardi a secco

Argentina-Messico 2-0: ok Dybala, Icardi a secco. L’Albiceleste, al quarto risultato utile su cinque match giocati con Scaloni in panchina, piega il Messico per 2-0. Protagonista Dybala, che regala a Funes Mori la palla del vantaggio. Nella ripresa in campo anche Icardi (staffetta con Lautaro Martinez), che va a un passo dalla prima rete con la maglia della Nazionale. Un'autogol gli nega questa gioia. Fra gli 'italiani' in campo anche De Paul. ICARDI: "LAUTARO? C'È GRANDE FEELING" DYBALA: "VOGLIO LA CHAMPIONS. FELICE CON RONALDO"   Parole chiave: paulo dybala,argentina,messico,mauro icardi

E' morto William Goldman, sceneggiatore di "Butch Cassidy" e "La storia fantastica"

E' scomparso a 87 anni William Goldman sceneggiatore premio Oscar per "Butch Cassidy" e "Tutti gli uomini del presidente". William Goldman, sceneggiatore Premio Oscar di classici come e , è scomparso all'età di 87 anni. La notizia è stata confermata dalla figlia dello sceneggiatore. Goldman è morto nella sua casa di New York a seguito di complicanze legate ad un cancro al colon. William Goldman non si riteneva uno sceneggiatore a tutto tondo, in un'intervista al New York Times del 1979 affermò: "Non sono uno sceneggiatore, sono un romanziere che scrive sceneggiature". Goldman ha infatti iniziato la sua carriera come romanziere, dopo essersi laureato alla Columbia University di New York, scrisse suo primo libro, "The Temple of Gold", che lanciò la sua carriera di scrittore.

Nzonzi sempre più dentro la Roma

Nzonzi si prende la Roma. Un inizio in sordina e poi un continuo crescendo: oggi il mediano francese è un punto di riferimento per i giallorossi. Nelle ultime nove partite non ne ha saltata nemmeno una e il suo ritmo compassato si sta scoprendo una virtù, capace di dare equilibrio ad una squadra che troppo spesso lo perde. La svolta per lui è arrivata senza dubbio nelle quattro vittorie di fila, dal derby con la Lazio all’ Empoli. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Gf Vip, imbarazzo per Ivan Cattaneo: il cantante ride e se la fa addosso

Anna Rossi Mentre i vip si stavano raccontando storie, Ivan è scoppiato a ridere facendosi i bisogni addosso. Il clima all'interno della casa del Gf Vip è sicuramente molto più disteso rispetto ai primi giorni e ora i concorrenti sanno bene come divertirsi fra di loro. Ieri sera, ad esempio si sono messi in cerchio a raccontarsi storie divertenti. Ma ecco che proprio qui c'è stato un incidente di percorso. Ivan Cattaneo stava raccontando una storia quando è scoppiato a ridere: "No ragazzi, non ce la faccio. Se vado avanti mi piacia addosso". Ma gli altri vip non lo hanno preso sul sio così lo hanno invitato a continure. E qui ci scappa il fattaccio. Ivan, infatti, ha perso il controllo e non è riuscito a trattenere la pipì. Se l'è fatta addosso. Cattaneo ha cercato di rimediare l'irrimediabile, ma ormai il danno era fatto. Tutto bagnato è corso in bagno fra le risate (e un po' di imbarazzo) degli altri concorrenti del Gf Vip. Risate (e imbarazzo) che sono continuate per diversi minuti, mentre Cattaneo se ne stava chiuso in bagno... IVAN CHE SI FA LA PIPÌ ADDOSSO AHAHAHAH NON CE LA FACCIO MI DISPIACE PER LORY MA SALVATELO #GFVip pic.twitter.com/f68DiFVkEv. — Perle TV (@MatFeeMan) 14 novembre 2018.

Il Ligorna in trasferta a Lavagna: «Riprendiamoci i punti persi»

Genova - Il Ligorna, reduce da due sconfitte consecutive in Serie D, proverà a tornare alla vittoria nel derby ligure contro la Lavagnese. L’amarezza dopo la sconfitta immeritata e per giunta arrivata in pieno recupero contro la Sanremese non ha scalfito l’umore della truppa di Luca Monteforte. «Anzi – racconta il mister – dopo un attimo di ovvio rammarico è nata subito all’interno della squadra quella consapevolezza di aver giocato alla pari, e anche meglio, di fronte a una delle formazioni più forti del campionato. Abbiamo dunque il morale giusto per affrontare i bianconeri e per riprenderci quei punti che ci mancano, mettendo in campo più convinzione nell’andare nella metà campo avversaria ed essere più precisi sotto porta. Non dobbiamo comunque dimenticare quanto di buono fatto finora e soprattutto qual è il nostro unico obiettivo: la salvezza». Avversario sarà dunque quella Lavagnese che nel turno preliminare di Coppa Italia ad agosto aveva inflitto una severa sconfitta ai genovesi, «ma da quella partita in poi – analizza con assoluta serenità il trainer dei genovesi – la squadra è notevolmente cresciuta sotto tutti i punti di vista anche se sappiamo che andremo ad affrontare un team che ha una rosa con ottimi elementi, e in un campo dove è sempre difficile giocare». Difficoltà alle quali si aggiunge in casa Ligorna lo stop per uno dei due capitani e leader visto che Gallotti non ci sarà in difesa: lo strappo muscolare che ha subito mercoledì dopo appena 120’’ nella gara contro i matuziani lo terrà fuori per qualche settimana. «Speriamo di riaverlo il prima possibile» taglia corto Monteforte che però sorride perché i sostituti, a partire dal giovane difensore Brusacà passando per i centrocampisti Silvestri e Cappannelli, hanno dimostrato di...

"Sono il più vagabondo degli artisti"

Chiara Bruschi Il cantante Cocciante riporta a Londra dopo vent'anni la versione originale di "Notre Dame" da Londra. Riccardo Cocciante aveva solo undici anni quando è dovuto scappare da Saigon, durante la guerra del Vietnam. Il padre italiano e la madre francese lo hanno portato via dalla terra che lo ha visto nascere e dove aveva accumulato i suoi ricordi più belli di bambino, immagini e sensazioni che ancora oggi custodisce gelosamente nella sua memoria. L'infanzia è finita bruscamente e la gioventù l'ha iniziata in Italia a Rocca di Mezzo (L'Aquila), paese del padre. A Roma ha poi continuato a studiare in francese e quando la sua carriera musicale è decollata non si è più fermato. Cosmopolita nell'anima e nella musica, in grado in incidere oltre quaranta album in tre lingue, italiano, inglese e spagnolo, Cocciante fugge gli schemi, le definizioni e le etichette. Noi lo chiamiamo Riccardo ma in Francia, per esempio, è Richard ed è così che compare sulla locandina che promuove il ritorno sulle scene della versione originale di Notre Dame De Paris, a vent'anni dal suo debutto. Forse è proprio per tutte queste ragioni che temi come l'immigrazione e il pregiudizio gli stanno tanto a cuore. Così tanto da averli affrontati in un'opera da record, che ha debuttato a Parigi nel 1998 e che oggi si prepara a tornare in scena a gennaio al London Coliseum nella sua lingua iniziale, il francese, coi testi di Luc Plamondon, le musiche di Cocciante e un altro italiano sul palco, Angelo Del Vecchio, nei panni di Quasimodo. Ventitré paesi, nove lingue e vent'anni in giro per il mondo: come si sente oggi? «Questo successo è stato inaspettato ma ci dà speranza il fatto che un'opera non in inglese ma in francese, abbia avuto la possibilità di girare tutto il mondo in diverse lingue e diventare una delle più importanti. La sensazione è wow, che bello!». Qual è il segreto secondo lei? «Aver scritto l'opera prima di inserirla in un contesto commerciale. C'era una voglia profonda di scriverla e quindi c'è stata anche una grande sincerità da parte nostra, come autori (lui e Luc Plamondon, ndr). Non ci siamo mai detti bisognerebbe mettere questo perché funziona e così siamo riusciti a rinnovare un genere». Il pregiudizio verso il diverso, raccontato nell'Ottocento da Victor Hugo, è vivo ancora oggi. «Sembra non finire mai. C'era nell'epoca della storia narrata, in quella di Victor Hugo e quando abbiamo scritto noi l'opera nel 1998 (il riferimento è alle tensioni legate ai Sans Papier in Francia, ndr) e sta aumentando. Tutta l'umanità è caratterizzata da fenomeni migratori e questa mescolanza che ci sembra negativa è in realtà una cosa molto positiva. In Italia abbiamo sempre avuto questa difficoltà di vivere insieme, un siciliano con uno del Nord... ma alla fine abbiamo creato un Paese diverso, con molta fantasia». Nato in Vietnam, cresciuto in Italia ma un po' francese, cantautore anche in spagnolo. I confini le stanno stretti? «A volte ci chiudiamo in noi stessi ed essere cresciuto in diversi Paesi mi ha dato la possibilità di non farlo: parlo il francese come l'italiano, ho cantato in spagnolo in Sudamerica e in Spagna. Amo tutta la musica del mondo, la bellezza è questa: conoscere quello che gli altri fanno per mescolarlo con il tuo modo di lavorare. Sono il più italiano dei francesi e il più francese degli italiani». Ha vinto Sanremo, è nel Guinness dei Record per Notre Dame e ha vinto pure in tv, con The Voice. Cosa l'ha guidata nella sua carriera? «Non ho mai programmato nulla. All'inizio ero un po' un ribelle nella maniera di presentarmi, di cantare, di fare interviste. Oggi sono cambiato in quello, ma non ho mai amato essere inserito in un filone. Mi sono volutamente tenuto un po' a parte rispetto agli altri». È mai più tornato in Vietnam? «No, mai. La prima ragione è che non potevamo, siamo stati cacciati dal Paese, c'era la guerra... La seconda è che non volevo distruggere i miei ricordi di infanzia. Adesso però ci penso». Sanremo 2019: la vedremo sul palco? «Quando ho vinto ho infastidito tutti dicendo non lo farò mai più come concorrente. Non mi ripeto mai, così come con The Voice. Voglio andare oltre. Essere un sanremese tutta la vita? Non sono io».

Insigne si riprende l'Italia: un anno dopo c'è luce a San Siro

È nella mani giuste, Lorenzo Insigne. Ma sì, chi meglio di Roberto Mancini può spiegargli il peso della maglia della Nazionale? Magari in questi decenni avrà anche trovato una risposta da poter indicare al Magnifico del Napoli. La risposta al motivo per cui il suo genio con la squadra di club sfiorisse una volta approdato con l'Italia. Ecco, due campioni del nostro calcio che poi con la Nazionale diventano degli incompresi, giocatori normali. Sempre a dover dare una spiegazione. Lorenzo e Roberto, trent'anni dopo. Stesso destino, più o meno. Mancini era talento puro, con la Sampdoria faceva faville. Con l'Italia si comportava come se tutto ciò che gli stava attorno, avesse un peso enorme. E così non è mai riusciti a tener testa al suo talento: 34 presenze e 4 gol. Passando per un Europeo (quello dell'88) e un Mondiale (quello del 90). Quattro miseri gol. Gli stessi gol di Lorenzo. Chissà chi ricorda quanta diffidenza quando il giovane blucerchiato volava dal ct Vicini o dal ct Sacchi. Un accerchiamento. Più o meno la stessa diffidenza che accompagna oggi uno dei rari geni del nostro calcio quando lascia il Napoli e indossa la 10 dell'Italia. Ecco, matrimoni che non decollano. Quello di Roberto con la Nazionale decisamente fallito, da calciatore. Quello di Lorenzo ancora rimediabile: d'altronde il talento di Frattamaggiore ha 27 anni e ancora la grande occasione di arrivare all'Europeo del 2020 e al Mondiale in Qatar nel 2022 cercando di abbattere quell'accerchiamento di diffidenza.

Quarta, la voce italiana di Topolino: "I miei 23 anni insieme a un mito"

Redazione Il topo più famoso del mondo è nato in un momento di depressione di Walt Disney, è diventato un’icona miliardaria e un simbolo dell’America. E il suo doppiatore italiano non ha dubbi: "Mickey Mouse è invincibile. Ha 90 anni ma sarà giovane per sempre"

Il Portogallo punta sugli eroi dell'Europeo

Luigi Guelpa Torna Eder, l'uomo che sbancò Parigi. E CR7 incorona Rui Patricio: "Come me" Pur non facendo parte della trasferta milanese Cristiano Ronaldo riesce ad attirare su di se l'attenzione dei media. CR7 ha "benedetto" il portiere Rui Patricio, spiegando che «anche lui è un fuoriclasse. Io invento traiettorie impossibili, ma lui è uno splendido custode». Il ct Fernando Santos in effetti fa molto affidamento sulle doti del portiere per mantenere il primo posto nella classifica. Rui Patricio sta vivendo uno dei migliori momenti della carriera, tant'è che la sua città natale, Leiria, gli ha persino dedicato una statua. Nulla a che vedere con quella orribile di Salah, esposta a Sharm el-Sheik. Nell'opera dello scultore Celestino Alves, Rui Patricio è immortalato nella deviazione sul tiro a colpo sicuro di Griezmann nel corso della finale degli Europei del 2016. Un intervento provvidenziale, almeno quanto i colpi di genio di CR7. Tornando proprio a quella notte, Santos ha deciso di richiamare nel gruppo il cecchino Eder, sedotto e abbandonato dopo aver regalato il titolo ai lusitani con un gol nei supplementari. Partirà dalla panchina, ma il tecnico è propenso a gettarlo nella mischia nel secondo tempo. Ederzito António Macedo Lopes, ragazzone di un metro e ottantanove nato in Guinea Bissau, sogna il riscatto. «Ammetto di essere rimasto deluso dalla mancata convocazione ai mondiali di Russia - racconta - ma l'amarezza non potrà mai cancellare quello che ho fatto a Parigi, e adesso che sono tornato voglio lasciare il segno. Contro l'Italia è facile trovare le motivazioni». Per qualcuno Eder è stato una sorte di eroe abusivo che ha rubato la scena quando avrebbe dovuto esserne soltanto comparsa. In casa portoghese si registra la sola assenza del regista André Gomes, mentre all'ultimo momento è stato convocato Kevin Rodrigues (Real Sociedad) viste le non perfette condizioni di Guerreiro.

Gf Vip, Ilary Blasi senza trucco e parrucco scatena il web: "Irriconoscibile"

Anna Rossi La conduttrice è stata pizzicata dal settimanale Oggi durante una giornata di shopping con la figlia Isabel. Il nuovo look di Ilary Blasi al Gf Vip divide: da una parte c'è chi come al solito la riempie di complimenti e dall'altra c'è chi non approva. La bellissima conduttrice ha spiegato di essere ricorsa alla parrucca per poter cambiare inanzitutto, ma anche per non rovinare i suoi splendidi capelli biondi. E via di parrucche bionde, brune, lunghe e corte. Ma come è Ilary Blasi al naturale? È inutile negare che nessuno si sia posto questa domanda. Ed ecco che i paparazzi accontentano i più curiosi. Il settimanale Oggi, infatti, è riuscito ad immortalare la donna al naturale, senza parrucca e senza trucco, durante una giornata di shopping insieme alla figlia Isabel. (Guarda) Come al solito, anche questa foto divide il pubblico. Perchè se da una parte c'è chi ammira la sua profonda bellezza, dall'altra c'è chi non apprezza e definice Ilary "trasandata". Su queste foto pubblicate da Oggi, infatti, il web si è scatenato e ha lasciato spazio a commenti piuttosto duri. "È irriconoscibile senza parrucca, ma soprattutto senza trucco", scrive un utente. E un altro aggiunge: "Ora capico perché si mette d'impegno con trucco e parrucco per andare in onda".

Eder: «Nostalgia di derby, tiferò con mio figlio. Che gioia immensa il gol sotto la Nord»

Genova - Proprio ieri Citadin Martins Eder ha festeggiato le 32 candeline e la Samp per celebrarlo ha fatto il botto di visualizzazioni sui social postando il video del suo magnifico gol coast to coast contro la Fiorentina nel novembre 2014, con rete dopo cavalcata solitaria di quasi 80 metri. Ora l’ex bomber blucerchiato e poi dell’Inter fa gol in Cina, allo Jiangsu Suning, dove il bilancio dei suoi primi 4 mesi dice 11 gol e 7 assist in 16 partite. Allora Eder, in Cina sembra rinato. «Sì, sta andando benone ma non crediate sia così facile segnare qui. È un calcio in cui se non stai benissimo fisicamente non la prendi mai perché i cinesi corrono di brutto».

Napoli, il prestito vale oro: 40 milioni per Inglese e Sepe

C'è un altro Napoli, diverso da quello allenato da Ancelotti. È la truppa dei venti e più prestiti azzurri. Il nostro focus riguarda 18 calciatori in particolare, un patrimonio tecnico ed insieme economico, perché alcuni migliorano e possono ambire a far parte del Napoli del futuro, altri possono aumentare il valore economico del club. I primi a essere sotto la lente di ingrandimento sono i quattro calciatori prestati al Parma, ovvero Sepe, Inglese, Grassi e Ciciretti, per i quali il Napoli ha già incassato tra i 6 e gli 8 milioni (in base ai bonus) per i prestiti. Il tesoretto potenziale è tuttavia di almeno 40 milioni per calciatori costati in totale 21 (12 Inglese e 9 Grassi). Nello specifico Luigi Sepe, cresciuto nel vivaio azzurro, sta disputando un'ottima stagione, confermando le ottime doti mostrate con l'Empoli in B e in A. Sempre titolare in campionato, è autore di ottimi interventi (è il primo in quanto a numero di parate in A, 55). Un anno fa valeva 2 milioni di euro, ora sfiora i 10. Nel giro della Nazionale, tre gol (tutti di ottima fattura) e un assist in 9 gare col Parma, spesso decisivo, Roberto Inglese si proporrà a fine stagione per far...

Obiettivo Chiesa: il suo futuro in percentuali

Obiettivo Chiesa: il suo futuro in percentuali. Classe 1997, pilastro della Fiorentina e dell’Italia che sta nascendo. Già al centro di numerose voci di mercato nell’estate passata, l’interessamento nei suoi confronti non è certamente diminuito, anzi. In Italia sembra essere la Juventus la pretendente più interessata di tutte le altre, marcata stretta dall’Inter. Ma occhio all’opzione estera, con il City di Guardiola pronto a inserirsi da un momento all’altro. PAULO SOUSA A SKY: “CHIESA? STESSA FAME DI CR7” CHIESA: “KAKA’ E SHEVA I MIEI IDOLI. IO 60 MILIONI? ESAGERATO”   Parole chiave: manchester city,juventus,inter,calciomercato,fiorentina,serie a,federico chiesa

Test sulla personalità: quanto sei magnetica?

© istock Amore e psicologia di Elvira Santagata Pubblicato oggi alle 10:00 Quanto attiri gli altri o quanto li respingi? Sei una persona magnetica o hai più forze repulsive? Scopri come sei con il nostro test! L'attrazione è una cosa che riguarda la chimica e che è influenzata ed influenzabile da una serie di cose differenti non calcolabili. Seppur ognuno è a sé, siamo tutti diversi e l'attrazione è un fatto del tutto intimo e personale... ci sono alcune persone dotate di un magnetismo naturale: nate per attrarre. Si dice che di solito siano del segno dello scorpione, guarda i segni come influenzano il tuo modo di essere:

Le sfide per il miglior panettone. A Milano, Napoli e Parma le gare fra i pasticceri italiani

Due città, due competizioni, stesso obiettivo: decretare il miglior lievitato delle feste. Il 17 e 18 novembre a Milano e Parma vanno in scena due sfide a colpi di impasti, per scovare il panettone più buono d'Italia. Intanto, a Napoli, il 1 e 2 dicembre torna il contest che elegge il Re di tutti i dolci.    Le gare fra pasticceri Milano apre di nuovo le danze, come spetta di diritto alla città che secondo leggenda al panettone ha dato i natali. È ancora qui, infatti, negli spazi del MegaWatt, che andrà in scena per l'undicesimo anno consecutivo Re Panettone (17 e 18 novembre), la kermesse che celebra il dolce delle feste per antonomasia, invitando i pasticceri della Penisola a presentare le loro interpretazioni del grande lievitato. Un evento ormai consolidato e che si ripete ancora una volta anche a Napoli, per un secondo appuntamento in programma il 1 e 2 dicembre nei saloni dello storico Grand Hotel Parker's. A inaugurare la serie sempre più nutrita di contest a tema dolce, quest'anno, sarà poi un'altra manifestazione, La Tenzone del Panettone, evento che chiama a raccolta i maestri pasticceri italiani, fra nomi noti ed emergenti, per sfidarsi a colpi di lievitazioni fino a eleggere il migliore del 2018. A ospitare la gara, il circolo Il Castellazzo di Parma, di nuovo il fine settimana del 17 e 18 novembre prossimi. Re Panettone a Milano Ma cominciamo con il festival storico del Natale gastronomico italiano, Re Panettone. Esposizioni, degustazioni, una mostra-mercato e poi momenti di approfondimento, cooking show e incontri con i pasticceri: questi e molti altri gli appuntamenti da non perdere, per una due giorni all'insegna del gusto in cui sarà possibile assaggiare le migliori specialità di oltre 40 professionisti. Come sempre, la giuria di esperti assegnerà il premio PanGiuso al miglior panettone e il più buon lievitato innovativo. Per gareggiare, i panettoni devono essere realizzati con metodo artigianale, senza additivi e conservanti, così da ottenere la Certificazione Re Panettone, istituita lo scorso anno per attestare freschezza, naturalità e artigianalità del prodotto mediate controlli specialistici. Ma ci sarà anche spazio per i dolci casalinghi, giudicati dai maestri pasticceri in persona. E a Napoli... In Campania, invece, via libera all'abbinamento fra panettone e vino, grazie al wine bar curato dall'Associazione Italian Sommelier, Delegazione di Napoli, in collaborazione con Wine&Thecity, un angolo del vino dove i visitatori potranno sperimentare accostamenti nuovi, con vini dolci, passiti e spumanti del Consorzio di Tutela dei Vini del Sannio, alla ricerca del miglior compagno per il dolce delle feste. Cuore pulsante dell'evento resta però la competizione, che decreterà il miglior panettone realizzato da uno dei 25 pasticceri in gara. La Tenzone del Panettone Altro festival ormai noto nel settore è La Tenzone del Panettone, in scena da sette edizioni e quest'anno alle prese con ben 58 panettoni diversi, tra tradizionali e innovativi, realizzati da 36 artigiani professionisti. Lontani i tempi dei duelli cavallereschi organizzati per il piacere di qualche signorotto locale, la terra delle corti emiliana anche quest'anno onora ben altra tradizione, quella gastronomica, con una rappresentanza sempre più sentita della pasticceria parmigiana, da Davide Battistini a Cristiano Quagliotti, da Ivan Ciulli a Riccardo Primiani. Contest a parte, durante il fine settimana sarà possibile anche provare prodotti nuovi e degustare le prelibatezze dei lievitisti più amati di sempre: Salvatore Gabbiano, Andrea Tortora, Fabrizio Galla, Giuseppe Mascolo, tanto per citarne alcuni. Spazio anche ai giovani, con il Junior Pastry Award, dedicato ai pasticceri emergenti, e ancora riconoscimenti messi in palio dai diversi sponsor dell'evento. Re Panettone – Milano – 17-18 novembre 2018 - www.repanettone.it/it/edizione-corrente/milano-2018/ Re Panettone – Napoli – 1-2 dicembre 2018 - www.repanettone.it/it/edizione-corrente/napoli-2018/ La Tenzone del Panettone – Parma – 17-18 dicembre 2018 - www.tenzonedelpanettone.it/ a cura di Michela Becchi.

Star Citizen: in arrivo un'intera settimana di prova gratuita!

L'account Twitter ufficiale di Star Citizen ha annunciato che il titolo godrà di un'intera settimana di prova gratuita. Una buona notizia per tutti i giocatori interessati a Star Citizen: è infatti in arrivo l'evento Free to Fly, un'intera settimana durante la quale sarà possibile provare gratuitamente il titolo. Prosegui la lettura

L'androide "intelligente" Sophia arriva a Roma: ecco la nostra intervista al robot

È sbarcata a Roma Sophia, il robot umanoide il cui volto è modellato sui tratti di Audrey Hepburn. Il 14 novembre, per la conferenza ?Geopolitica del digitale?

Garante Privacy all’Agenzia delle Entrate: “Cambiare la fatturazione elettronica: riservatezza a rischio”

Per l'Authority il nuovo obbligo presenta “un rischio elevato per i diritti e le libertà degli interessati, comportando un trattamento sistematico, generalizzato e di dettaglio di dati personali su larga scala" L'articolo Garante Privacy all’Agenzia delle Entrate: “Cambiare la fatturazione elettronica: riservatezza a rischio” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Tumori: in Italia decessi giù del 17% in 15 anni. E' il record europeo

In Italia si muore sempre meno di cancro: i decessi sono infatti diminuiti del 17,6% in 15 anni e questo rappresenta un primato in Europa. Un dato positivo al quale si affianca però un'urgenza: per mantenere questo trend è anche necessario aumentare le risorse destinate al Fondo per i farmaci innovativi oncologici, oggi pari a 500 milioni di euro. La richiesta arriva dai circa 3mila oncologi riuniti a Roma per il xx Congresso nazionale dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom). In Italia, dunque, le morti per cancro diminuiscono in misura maggiore rispetto al resto d'Europa. Il nostro Paese si trova al primo posto in questa classifica: in 15 anni (2001-2016) il calo dei decessi è stato pari al 17,6%, in Francia e Spagna al 16%, nel Regno Unito al 13% e in Germania al 12,3%. Un risultato molto importante, se si considera che l'impatto dei farmaci oncologici sulla spesa farmaceutica totale rimane inferiore a quello degli altri Paesi: rappresenta infatti il 13% contro il 17,3% del Regno Unito e il 17% della Germania.

L'importanza del grasso bruno per il senso di sazietà

Il tessuto adiposo bruno, che garantisce la produzione del calore necessario al corpo, ha un ruolo centrale anche nell'innescare una serie di processi...

Volkswagen Tharu - Svelata in Cina la nuova Suv compatta

L'offensiva cinese della Volkswagen si arricchisce di quattro nuovi modelli. Durante il Salone di Guangzhou la Casa di Wolfsburg ha svelato, insieme alle già annunciate T-Cross, T-Roc e Tayron, anche la nuova Tharu, un modello totalmente inedito che andrà a posizionarsi nel cuore dell'offerta a ruote alte del costruttore tedesco. Due versioni. Lunga 4.453 mm, alta 1.632 mm e larga 1.841 mm, la Suv compatta dispone di un passo di 2.680 mm e offre un bagagliaio il cui volume può spaziare dai 455 ai 1.542 litri, a seconda che si viaggi in configurazione cinque posti o con gli schienali del divano posteriore abbattuti. Inizialmente la sport utility sarà proposta in due differenti versioni: la Tharu 280TSI monterà il 1.4 turbo EA211 da 150 CV e 250 Nm, mentre la Tharu 330TSI 4Motion disporrà di un 2.0 turbo EA888 da 186 CV con cambio automatico doppia frizione Dsg e trazione integrale. T family. Oltre alla Tharu, a Guangzhou sono state esposte al pubblico cinese anche le nuove T-Cross e T-Roc. La prima ricalca in tutto e per tutto il modello europeo presentato nelle scorse settimane, mentre la seconda, appositamente modificata per la Cina, dispone di un passo allungato di 85 mm. La Tayron, invece, è un modello appositamente sviluppato per la Cina e destinato a posizionarsi, con la sua lunghezza prossima ai quattro metri e 60 cm, tra la Tiguan e la Tiguan Allspace. Nate da sinergie e joint venture. La Tharu, così come molte altre delle vetture che il gruppo Volkswagen vende in Cina, sarà prodotta localmente all'interno di una delle fabbriche dei marchi con cui la Casa di Wolfsburg ha stretto delle partnership. La Suv compatta è frutto della collaborazione con la Saic (Shanghai Automotive Industry Corporation), proprio come la futura T-Cross, mentre la versione a passo lungo della T-Roc e la Tayron nasceranno dalla joint venture con la FAW (First Automobile Works).

Il Ritorno di Mary Poppins: nuova featurette, locandine e niente "Supercalifragilistichespiralidoso"

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto] Aggiornamento di Pietro Ferraro Disney ha reso disponibile una nuova feturette e nuove locandine ufficiali del sequel Il Ritorno...

Due mesi di anticipo e partenza di giovedì (o martedì), ecco i trucchi per volare risparmiando

Il nuovo studio Momondo svela i segreti per prenotare un volo in Europa o intercontinentale tenendo in tasca dal 18 al 49 per cento del prezzo. I giorni e gli orari più convenienti.

Banksy al Mudec

Non si fa vedere né fotografare, e non rilascia interviste face to face. Eppure lo conoscono tutti. Il writer misterioso Banksy ancora una volta ... L'articolo Banksy al Mudec sembra essere il primo su Living.